Immagine di un bambino che stringe il dito della mamma

La lallazione

La lallazione è una tappa importante della crescita che porterà il tuo bambino a parlare. Ma come fare ad aiutarlo e stimolarlo? Ecco i nostri consigli.

 

Quando si manifesta la lallazione?

La lallazione compare subito dopo la fase delle vocalizzazioni e consiste nell’inserimento delle prime consonanti. Questo avviene fra i 4 e i 10 mesi, e solitamente attorno ai sei.

 

La lallazione è un momento in cui possiamo distinguere due differenti fasi di maturazione: la lallazione canonica è la fase in cui il piccolo ripete sillabe composte da una consonante e una vocale. È seguita dalla lallazione variata, in cui possiamo sentire due o più consonanti diverse.

 

Di solito la lallazione inizia entro i 10-12 mesi: poiché si tratta di una fase importante, consulta un pediatra in caso di significativo ritardo. È importante anche abbia una durata di qualche mese passando da canonica a variata: la qualità della lallazione è riconosciuta dagli esperti come un indice di qualità delle prime parole di un bimbo.

 

 

Come stimolare un bimbo a parlare?

Con la lallazione il tuo piccolo non sta ancora comunicando Intenzionalmente: si tratta della reazione a una spinta motoria e lui continua per il puro piacere di ascoltarsi. Rispondere alle sue sillabe però è importante, lo aiuti a strutturare le basi comunicative facendogli capire che la sua produzione verbale provoca una reazione e una risposta. Rispondergli, inoltre, lo stimolerà a continuare l’esercizio e ad allenarsi sempre di più.