Immagine di un bambino che stringe il dito della mamma

Il tuo bambino
a 18 mesi

Un bambino a 18 mesi fa grandi progressi, diventa indipendente e puoi coinvolgerlo in attività all'aria aperta. Ecco le tappe della sua crescita.

Il bambino fa progressi

Il tuo piccolo cresce in fretta, le sue abilità stanno migliorando alla velocità della luce e ogni giorno ti mostra i suoi talenti. Ormai potrebbe essere in grado di pronunciare il suo nome e qualche altra parola, e il suo vocabolario cresce di giorno in giorno per far fronte agli stimoli di ciò che lo circonda.

 

È capace di svolgere semplici attività come girare da solo le pagine di un libro o lavarsi le mani dopo una giornata di gioco.

 

Inoltre inizia ad associare i nomi alle persone e al loro aspetto. Come con le persone, così con il mondo che lo circonda: ha capito che ogni oggetto ha un nome ed è compito tuo aiutarlo ad impararlo, ripetendone il nome ogni volta che ne indica uno. La sua curiosità sarà insaziabile.

 

A 18 mesi inizia anche a capire i più semplici processi di causa-effetto. E questo potrà esserti utile a calmare i suoi capricci facendolo divertire e facendogli capire le cose.

 

Infine, l’ansia da separazione inizia a sparire. Adesso il tuo piccolo vuole fare tutto da solo: molto bene, vuol dire che sta diventando più indipendente. Da questo bisogno di indipendenza però scaturisce anche la necessità di stabilire dei limiti: i “no” e le regole sono importanti per la sua educazione e se all’inizio faticherà ad accettarli, col tempo gli daranno un senso di ordine e stabilità che lo farà sentire al sicuro.

Attività divertenti con il tuo bimbo

Come passare un po’ di tempo con il tuo bambino adesso che è abbastanza grande da svolgere qualche semplice compito e interagire attivamente con l’ambiente che lo circonda?

 

Potresti preparare da mangiare con lui chiedendogli di aiutarti e affidargli qualche semplice compito come lavare le verdure. Coinvolgilo nell’attività spiegandogli sempre cosa stai facendo, come fosse un gioco. Questo è utile non solo a farlo divertire ma anche a fargli accettare più facilmente il cibo che troverà sul piatto. Chiedigli anche di aiutarti a preparare e sparecchiare la tavola: anche una cosa così semplice per lui si trasforma in un gioco e in un modo di imparare cose nuove. Ne sarà orgoglioso!

 

Anche passare del tempo all’aria aperta è un’ottima idea. Puoi organizzare un pic-nic o una passeggiata al parco, così il tuo bambino avrà spazio per giocare. Puoi cogliere l’occasione per stimolarlo a imparare nuovi nomi chiedendogli come si chiamano le cose e aiutandolo a pronunciarne correttamente il nome.