Foto di una donna in gravidanza sdraiata sul letto che si accarezza dolcemente la pancia

Come vestirsi in gravidanza

Vestirsi in gravidanza, che sia estate o inverno, sembra un problema: ecco alcuni consigli su come vestirsi bene e cosa non indossare durante la gravidanza.

 

La gravidanza è uno dei momenti più delicati per il corpo della donna, che, mese per mese, va incontro a un serie di cambiamenti importanti. La pancia lievita velocemente, le gambe si gonfiano e un’operazione banale come quella di vestirsi può diventare impegnativa.

Per fortuna, negli ultimi anni, le case di moda hanno deciso di rendere la gravidanza un plus e di creare collezioni premaman davvero fashion e di tendenza, che vanno dagli abiti di alta moda a quelli di uso quotidiano, in grado di valorizzare la bellezza e la figura della mamma in attesa, senza che questa debba per forza vestirsi con dei camicioni, sicuramente comodi ma spesso antiestetici.

Ora è possibile rimanere femminili, pur aumentando di qualche taglia, godendo del massimo comfort, anche per quanto riguarda l’abbigliamento intimo.

L’ABC per vestirsi in gravidanza.

Il desiderio primario di una donna incinta che deve adeguare il suo armadio è abbinare praticità ad estetica, mantenendo il proprio stile, da quello più casual e sportivo a quello più elegante.

La prima regola fondamentale, quando si scelgono pantaloni, gonne o un abito, è preferire quelli morbidi o con un elastico in vita, in primis perché possono essere utilizzati mano a mano che il pancione cresce, e, soprattutto, per evitare fastidi, anche di tipo gastrico.

Se la vita è troppo costretta, infatti, è facile che insorgano problemi di digestione, già spesso presenti durante la gravidanza.

I jeans non sono vietati, basta che la scelta ricada su un capo elasticizzato ma non troppo stretto.

Per quanto riguarda le scarpe è bene optare per un’altezza media: sneakers, sandali, tacchi di 5/6 cm sono l’ideale. La circolazione infatti, nell'ultimo trimestre, tende a peggiorare per via del peso e della ritenzione idrica ad esso dovuta, quindi costringere il piede in scarpe troppo alte o troppo basse, può peggiorare la situazione.

La biancheria intima regala articoli veramente carini e pratici e non serve eliminare il pizzo o la seta dai cassetti. Bisogna solo prestare particolare attenzione al seno, che tenderà a gonfiarsi parecchio nel corso dei mesi, quindi vanno evitati i reggiseni troppo costrittivi (una valida alternativa sono quelli a fascia, che contengono senza stringere) e vanno preferite mutande comode, magari delle coulottes, per evitare fastidiose infezioni.

Se si pratica sport in gravidanza, è bene scegliere tessuti prevalentemente naturali, come il cotone, e possibilmente elasticizzati, per non avere difficoltà nei movimenti. L'importante è che siano morbidi, che non aderiscano troppo in vita e lascino il corpo libero.

Come vestirsi d’inverno.

Uno dei vantaggi di una gravidanza, è che la temperatura corporea si alza e si tende ad avere più caldo del solito, per cui in inverno difficilmente ci si vestirà pesantemente. Tuttavia bisogna evitare sempre i colpi di freddo, non potendo usare farmaci.

I leggings sono un ottimo compromesso per evitare il pantalone, sono comodi, permettono alla pancia di non essere costretta e si possono indossare di giorno e di sera. Si trovano in tessuti leggeri, pesanti e tecnici per affrontare i mesi freddi.

Aderenti ma non stretti, permettono qualsiasi movimento esono un'ottima soluzione anche per fare sport.

Le calze sono un must, che andrebbe valutato per tutto l'anno.

In  gravidanza, la ritenzione idrica è superiore al solito e delle calze contenitive (in farmacia ci sono collant studiati apposta per le gestanti) possono risolvere il problema e dare parecchio sollievo alle gambe.

Per il resto, via libera a maglioni, abiti, camicie e tutto ciò che può far sentire calde e comode.

L'unico grande neo resta il “sopra” quando la pancia si fa davvero importante.

Cappotti e piumini possono essere davvero impossibili da indossare, per via dell'allacciatura, ma stupende cappe e mantelle sono una soluzione pratica e alla moda.

Cosa indossare in primavera.

La primavera è uno dei periodi più belli per una mamma in attesa.

La temperatura è mite, non si soffre troppo il caldo e il guardaroba si arricchisce di vestiti leggeri, capi colorati e chiari, che donano praticamente a tutte, e compaiono le prime maniche corte e le maglie scollate.

Durante la gravidanza, anche in primavera, è importante iniziare ad usare una protezione solare, anche in città, per evitare antiestetiche macchie sulla pelle, dovute agli ormoni, e, se possibile, un cappello a tesa larga.

I must-have dell’estate.

Alla fine della gravidanza, l’estate può diventare un vero supplizio. Già dai primi mesi dopo il concepimento, uno degli effetti collaterali più frequenti è l'aumento della temperatura corporea. Questa sensibilità al caldo, ovviamente aumenta moltissimo in estate, dove tutti i sintomi della gravidanza possono diventare più fastidiosi, senza contare che si pone il problema di come vestirsi al mare.

Il dubbio è sempre tra bikini o costume intero e la scelta va fatta rispettando i propri gusti personali e la comodità. L'unica accortezza è quella di proteggersi dal sole.

In questa stagione le gonne lunghe, i top e il look gipsy permettono di vestirsi alla moda consentendo il massimo comfort.

Come vestirsi in autunno.

L'autunno comporta un po' gli stessi accorgimenti della primavera. Il clima mite degli ultimi anni permette che si vada in giro vestiti leggeri fino a ottobre inoltrato ma, come per l'inverno, bisogna stare molto attenti ai colpi d'aria.

È il momento in cui si cominciano a indossare caldi collant. Sono disponibili ovunque quelli per gestanti, in diversi colori e tessuti, che non costringono la pancia e diventati ormai un accessorio beauty.

 

Cosa non indossare in gravidanza.

Ci sono capi da non indossare in gravidanza? Si può mettere di tutto, basta usare il buon senso.

Se il seno aumenta di diverse taglie, diventando gonfio e dolorante, un reggiseno a balconcino non è comodo e appropriato, molto meglio un top morbido ed elasticizzato, ottimo anche in estate al posto delle magliette.

In generale non bisogna scegliere nulla di troppo stretto per la zona del punto vita.

Le calzature forse sono il punto più dolente. Non devono essere né troppo basse, come le ballerine, né troppo alte; sarebbe meglio evitare anche gli stivali al ginocchio, che, in presenza di ritenzione idrica, tendono a comprimere un po' troppo i polpacci.

 Vestirsi in gravidanza non è un problema oggi. Il segreto è prendersi cura di sé e coccolarsi un po’, indossando ciò che valorizza la silhouette e fa sentire più belle.